Sabato 24 alle 15
"Consigli per la felicità: pensare bene per stare bene"
Incontro con la ven. Siliana Bosa

 

Meditazioni analitiche per scoprire come utilizzare le nostre potenzialità in un modo sano ed equilibrato.
-----------------------------------------
La ven. Siliana Bosa (Tenzin Dasel), italiana, è stata una delle prime occidentali a ricevere l’ordinazione monastica direttamente da S.S. il Dalai Lama, nel 1981. Discepola di Lama Yeshe e di Lama Zopa Rinpoche, ha ricevuto molti insegnamenti da vari lama della tradizione tibetana ed è stata incaricata di organizzare e guidare i programmi spirituali di vari centri, occidentali ed asiatici.

Lunedì 12 prima lezione

Alle 19.15, prima lezione di Settembre, le altre saranno sempre il lunedì e il giovedì dalle 19.15 alle 20.30 con insegnanti a rotazione fino al 29 Settembre.

I corsi regolari partiranno da Ottobre.

Gli appuntamenti di Settembre:

Lunedi 12 riapre la segreteria con orario 11-12 e 17-19.

Lunedi 12 ore 19.15, prima lezione di settembre, le altre saranno sempre il lunedì e il giovedì dalle 19.15 alle 20.30 con insegnanti a rotazione.
Sabato 24 dalle 15.00 alle 18.00 "Consigli per la felicità: pensare bene per stare bene" Incontro con la ven. Siliana Bosa.

I corsi regolari partiranno da Ottobre.

Pensiero di Settembre

Forse il caldo estivo ha fiaccato un po’ tutti ma credo che ci sia nell’aria anche voglia di ricominciare la pratica e, se avete seguito il sito, anche di proseguire con i nostri discorsi sugli Yoga Sutra.
Dopo aver domi­nato, con la stabilità dell’asana, il corpo, e, con il pranayama, la forza vitale e la mente, si arriva al quinto anga, il  Pratyahara, il cui significato, molto sottile, non è di facile comprensione, come ogni cosa di cui non si ha un presupposto di riferimento. Per ca­pirne il senso vero bi­sognerebbe, infatti, averne fatta l’esperienza diretta. Ed anche in quel caso probabilmente sarebbe difficile spiegarlo. Perciò mi affido a spiegazioni di vari commentatori. Lo swami Anand Videha, nel suo commento agli Yoga-Sutra, sostiene: “Conoscendo il pranayama, ci si di­stacca, ci si eman­cipa dall’attività sensoriale e dall’influsso degli oggetti: il mondo acquista profondità. Il fuoco d’attenzione muta e sorge la pro­fonda comprensione di dove sia posto il proprio sé. A questo punto si è pronti per tornare a casa. Questi è pra­tyahara". E non è così semplice da capire.
Vyasa, il più antico commentatore dei Sutra, spiega: “Allorché i sensi cessano dal contatto con i rispettivi oggetti, essi giun­gono come ad assumere la forma della mente. Vale a dire, quando la mente è ar­restata anche i sensi sono arrestati”. Questa spiegazione, tuttavia, va bene anche per illustrare la condizione del sonno pro­fondo, che non è propriamente pra­tyahara.  Ho trovato convincente la spiegazione di Ta­imni che si serve di pa­rametri fisiologici e dà un’interpretazione illuminante facendo notare che, se è vero che un particolare organo di senso è colpito soltanto dalle vibra­zioni che gli corrispondono, è anche vero che, se la mente non si ac­compa­gna a quell’organo sensorio, le vi­brazioni restano non percepite. Si può esprimere il concetto con un banale esempio pratico: se sono con la mia atten­zione su qualcosa di molto inte­ressante, posso non sentire il te­lefono che squilla lì vicino, o la voce di qualcuno che mi chiama anche con  volume alto. La differenza tra questa condizione molto comune e il pra­tyahara è che quest’ultimo è consapevole. Inoltre con pratyahara si sottintende soprattutto un distacco dai desideri collegati agli oggetti, sia concreti che non. E quest’ultimo aspetto, che poi nel percorso della consapevolezza è il più importante, non vi ricorda “santosa”? Ora ci sono le basi per comprendere almeno intellettualmente il Samyama, argomento della prossima volta.
Buon rientro a tutti.
MPG

La Segreteria di Sadhana è aperta dal 12 Settembre 2016, dalle 11.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 20.00
Tel: 0586 444164 e per info urgenti 3487261912

Arrivare a SADHANA in Autobus: Numeri 4 - 8N - 8R

 

21 Giugno: International Yoga Day

Il 21 giugno è stata una bella giornata di condivisione. Il passaggio dalla primavera all'estate, con la Luna Piena e la Festa Internazionale dello Yoga. Eravamo tanti...Ci sono stati gli insegnanti che si sono alternati nella guida della pratica, abbiamo concluso con un rito, sul simbolo dell'infinito, intenti espressi e Luci...e insieme a noi c'erano delle energie buone... sarà una festa da ricordare! Tutti i giorni a venire... perchè la pratica non è per un giorno solo...
Qui sotto alcuni momenti della festa

La Segreteria di Sadhana è aperta dal 12 Settembre 2016, dalle 11.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 20.00
Tel: 0586 444164 e per info urgenti 3487261912

Arrivare a SADHANA in Autobus: Numeri 4 - 8N - 8R